BRUNICO: CHE AVVENTURA AL MUSEO DEGLI USI E COSTUMI!


DEUTSCHE VERSION


ZONA: Val Pusteria - Brunico

KM DA BOLZANO: 74 km (1,10h in auto)

ALTITUDINE: 838 m.s.l.m.

DIFFICOLTÀ: bassa

DURATA: almeno mezza giornata

DISTANZA: l'area si estende per più di 3 ettari

PASSEGGINO: no (scale)

MAPPA



COME ARRIVARE

Bolzano > A22 verso Nord > Uscita Bressanone/val Pusteria > E66 direzione Brunico

Indirizzo: via Duca Diet 24 – 39031 Teodone/Brunico (BZ) - Parcheggio accanto al museo.

mappa

> CON I MEZZI PUBBLICI: raggiungere Brunico e il museo degli usi e costumi di Teodone con i mezzi pubblici è molto semplice - e preferibile all'auto. Partendo da Bolzano l'ideale è optare per il treno: arriva a Brunico in un'oretta e mezza scarsa, con cambio a Fortezza (6min). Di fronte alla stazione ferroviaria di Brunico prenderete poi il citybus "linea 2" (passa ogni 30 min) e in meno di 10 minuti sarete al museo. Info mobilità

DESCRIZIONE

Che avventura, che museo!

Avete presente il classico museo dove si bisbiglia e si guarda senza toccare? Ecco, questo è tutto tranne quel tipo di museo. Qui si esplora nel vero senso della parola: si aprono i cassetti, si smuovono i cereali con le dita, si annusa, ci si arrampica su per le scalette delle antiche case contadine, si sbircia fuori dalle finestre... E poi, non c'è dubbio, si gioca e ci si meraviglia in continuazione, e fate così: all'ingresso chiedete direttamente il prospetto dedicato alle famiglie e la mappa dei giochi, così non vi perderete proprio nulla!


> L'Alto Adige è una terra di valli che seppur vicine si distinguono puntualmente l'una dalle altre per svariati aspetti: dalle abitudini quotidiane a quelle da adottare durante le festività, dall'artigianato alle tecniche agricole e di gestione del bestiame, dall'edilizia alle decorazioni degli abiti cerimoniali. Anche il dialetto (tedesco) testimonia questo passaggio, anche se talvolta si tratta solo di un paio di chilometri di distanza. Il museo provinciale degli usi e costumi di Teodone racconta proprio questa realtà dalle mille variopinte sfaccettature, tendendo ad arte il filo di congiunzione che lega le numerose interpretazioni della tradizione presenti in Alto Adige.