• Bimbi nel Bosco

PICCOLI ESPLORATORI, 20: SEGNALETICA IN MONTAGNA



Bene, l'esploratore di montagna mica si perde, GIUSTO? Questo perché oltre a sapersi guardare intorno e a saper leggere una mappa, sa anche come riconosce e interpretare segnali e cartelli.


Ripassiamo insieme quelli che si possono incontrare in un'escursione di montagna e cosa significano:


> SEGNALETICA VERTICALE: è il classico cartello in legno/bianco con la punta rossa e la coda bianco-rossa, ci dice dove conduce il sentiero che stiamo percorrendo e quanto ci si impiega per arrivare (indicativamente). Ci indica anche le tappe intermedie. Sulla coda c'è l'indicazione del sentiero o il logo di località. A volte sulla punta troviamo anche dei pittogrammi (disegni) che rappresentano la località o il sentiero.



Della segnaletica verticale fanno parte anche:

> TABELLA DI LOCALITÀ: è un cartello rettangolare in legno/bianco con su scritto il nome della località che avete raggiunto (passo, paese...) e la sua altitudine.



> TABELLA SENTIERO TEMATICO: cartello in legno/bianco che si trova all'inizio e alla fine di un sentiero che propone un itinerario a tema (geologico, avventura, naturale...)


> TABELLA VIA FERRATA: è un cartello di metallo colorato con le scritte bianche. Si trova all'inizio di un sentiero con attrezzature speciali, invita gli escursionisti ad usare con rispetto le attrezzature e a procedere in sicurezza. Sulla tabella il testo è in 4 lingue e c'è anche un numero di telefono dove si possono segnalare le attrezzature danneggiate.


> SENTIERO ESCURSIONISTI ESPERTI: segnala l'inizio di un sentiero molto impegnativo che attraversa un ambiente selvaggio, per il quale ci vuole molta esperienza e attenzione. In alto indica il nome e il numero del sentiero;


> TABELLONE/ PANNELLO D'INSIEME: sono i grandi cartelli con immagini e scritte che ci accolgono nelle località o su un determinato sentiero; descrivono tutti gli itinerari della zona e ci raccontano anche qualcosa in più sul luogo in cui siamo: geografia, storia, monumenti naturali...


Oltre alla segnaletica verticale troviamo la SEGNALETICA ORIZZONTALE, ovvero quella che troviamo a terra, come per esempio:


> SEGNAVIA SEMPLICE: sono le due strisce - una bianca e una rossa - che troviamo sugli alberi e sui sassi ogni 200 o 300 metri e ci mostrano la direzione del sentiero.



> SEGNAVIA A BANDIERA: una larga striscia rossa con una striscia bianca al centro. Sullo spazio bianco viene indicato il numero del sentiero. Si trova all'inizio dei sentieri o vicino a un bivio.

> PICCHETTO SEGNAVIA: è un bastone piantato nel terreno colorato di bianco con una striscia rossa, indica il sentiero dove non ci sono sassi e alberi su cui indicarlo (prati, pascoli...).


> OMINO DI PIETRA: molti non lo sanno, ma gli omini di pietra sono ufficialmente segnaletica di montagna, indicano la via corretta anche dove sarebbe difficile da vedere qualsiasi altro segnalatore a terra (neve alta, erba, fiume...).


Oltre ai cartelli che segnalano il sentiero, in montagna troviamo anche i cartelli con i nomi dei parchi naturali, dei corsi d'acqua e i cartelli che segnalano la presenza di animali (questi ultimi sono cartelli stradali perciò si trovano sulle strade dove possono passare anche le auto).


Fonte: CAI & Alpenverein.


Per chi volesse approfondire il tema in Alto Adige, ecco il documento sulla segnaletica di montagna dell'Alpenverein.


SCARICA E STAMPA IL PDF DEL CAPITOLO 20


TORNA ALL'INDICE DI "PICCOLI ESPLORATORI"


TORNA ALLA HOME PAGE


#guida #guidaallapreparazionedellescursione #guidaallescursione #preparariamocialmeglio #piccoliesploratori #amantidellamontagna #mountainlovers #AltoAdige #bambini #capitolo20 #segnaletica #segnaleticainmontagna #cartelli #ominidipietra

20 visualizzazioni

© Copyright Bimbi nel bosco.

E' vietata la riproduzione anche parziale. 

  • Facebook
  • Instagram